11 Ottobre 2022
CEREALICOLTURA, ORTOFRUTTA, VITIVINICOLO E APISTICO: LA DIFFICOLTA’ DI UN SETTORE CHE HA BISOGNO DI INTERVENTI E DI PROGRAMMAZIONE, LUNEDI’ A CAGLIARI

Coldiretti Sardegna chiama a raccolta il settore ortofrutticolo, cerealicolo, vitivinicolo, apistico e i Consorzi di Bonifica convocando per lunedì 10, alle 10.45 una grande riunione nella Fiera a Cagliari. Settore allo stremo con costi di produzione ed energetico che stanno costringendo alla chiusura le aziende agricole. “Quando va bene si lavora in pareggio con malattie e calamità in agguato come una spada di Damocle che portano irrimediabilmente i conti in rosso, con la burocrazia dei ristori che a quel punto darebbe il colpo di grazie definitivo producendo solo carte e illusioni”.

Gli aumenti dei costi di produzione non seguiti da quelli alla vendita del prodotto finito rischiano di far chiudere tantissime aziende.

Produrre un ettaro di un frutteto o di ortive oggi è proibitivo con costi cresciuti in media del 60 – 70%. “A contenere i costi è la manodopera, di solito familiare, altrimenti dovremmo lasciare le terre incolte” è la denuncia di Luigi Podda, frutticoltore di San Sperate. Stessa musica a Barisardo per i pomodori: “oggi produrre pomodoro in serra non conviene. Se tutto va bene vai in pareggio con condizioni di lavoro al limite del possibile, se poi, come succede spesso, vai incontro a delle malattie, come per esempio la sempre più diffusa tuta absoluta, allora sei in perdita” denuncia conti alla mano Alessandro Melis. Anche “per il pomodoro in pieno campo da industria i costi sono in media di 10mila euro ad ettaro per incassare a prodotto finito 10mila euro” dice Giuseppe Onnis di Samassi. Qualche margine rimane per i carciofi dove i costi di produzione sono cresciuti all’inverosimile con diversi fattori da tenere in considerazione ma con una premessa: “se il terreno non ricade nel Consorzio di Bonifica che ti consente di abbattere i costi dell’acqua non conviene coltivarlo. L’acqua è fondamentale per il carciofo e se dovessi utilizzare le pompe le spese sarebbero insostenibili”.  Sono gli stessi problemi anche per gli altri settori come quello apistico fondamentale ma dimenticato o quello vitivinicolo, eccellenza sarda ma che non ha il sostegno delle istituzioni e adesso si trova dopo la pandemia a combattere con costi di produzione altissimi (la vendemmia secondo le stime Coldiretti costa + 35%).

Per i cerealicoltori i conti non cambiano. “Coltivare un ettaro di grano costa intorno ai 1200 – 1300 euro con guadagni simili ma con l’incognita di un prezzo del grano esposto alle speculazioni e quindi incontrollabile” è l’amara analisi di Salvatore Pau di Sanluri beffato insieme ai colleghi dalla misura sulle filiere con fondi insufficienti per coprire le domande sempre di meno tra l'altro visto che molti rinunciano alla coltivazione del grano. Eppure la guerra in Ucraina ci ha fatto capire quanto sia importante questo prodotto e quando lo sia produrlo in casa”.

Non solo “siamo considerati alla stregua di agricoltori di serie B da Stato e Regione – è la denuncia -, ci sentiamo abbandonati perché per noi o non sono previsti interventi, come gli ecoschemi per esempio, oppure se si stanziano dei fondi per i ristori per calamità naturali, caro prezzi od altro, questi a parte le carte e le illusioni non arrivano mai: ci sono 50 milioni fermi. La siccità del 2017 la stiamo ancora attendendo e sono trascorsi cinque anni, così come i 20 milioni promessi per il caro prezzi che dovranno essere inseriti nella Omnibus".

All’assemblea saranno presenti anche i Consorzi di Bonifica soffocati dai costi dell’energia e sull’orlo del baratro per i ritardi cronici della Regione nell’erogazione della Regione.

“Non possiamo assistere passivi all’abbandono delle terre e alla scomparsa di eccellenze simbolo del nostro patrimonio agroalimentare e con loro alla chiusura di tantissime aziende – afferma il presidente di Coldiretti Sardegna che lunedì sarà a Cagliari con i vertici della Coldiretti regionale e centinaia di agricoltori -. È paradossale che in un momento in cui la guerra ci ha messa davanti agli occhi la debolezza di chi dipende dall’estero e dalle importazioni di cibo richiamo di perdere gli agricoltori. Lunedì oltre a fare una analisi dei settori presenteremo la class action per i mancati ristori in particolare della siccità del 2017”.

GIORNATA REGIONALE DEL RINGRAZIAMENTO NUORO 19 NOVEMBRE 2022
SESTA EDIZIONE PREMIO FEMINAS
COLDIRETTI, AL VIA ISCRIZIONI OSCAR GREEN 2022

Con la guerra e i rincari che mettono a rischio la disponibilità di cibo Made in Italy scatta la corsa delle idee anticrisi dei giovani agricoltori italiani che si impegnano per dare risposte concrete ed innovative alle difficoltà che stanno compromettendo il loro futuro. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione del via alle iscrizioni all’Oscar Green 2022, il premio all’innovazione per le imprese che creano sviluppo e lavoro per rilanciare l’economia dei propri territori e raggiungere l’obiettivo della sovranità alimentare in un Paese come l’Italia oggi fortemente dipendente dalle importazioni dall’estero. Al premio Oscar Green, promosso da Coldiretti Giovani Impresa, sarà possibile iscriversi fino al 30 aprile 2022 direttamente sul sito https://giovanimpresa.coldiretti.it/ nella sezione Oscar Green in una delle sei categorie di concorso.            

Tesseramento 2022
SPESA SOSPESA CAMPAGNA AMICA